venerdì 17 agosto 2012

Cellulari e connessione dati

Spesso mi domando come leggere i simboli che indicano la connessione dati.
So che se sto in 2g mi appare G oppure E e se sto in 3G mi appare 3G o H. Sono voluto andare a fondo ed ecco il risultato della mia ricerca.
Su una rete cellulare digitale esistono 4 diversi standard di trasmissione dati, comincio con rimuovere ETACS, non più in uso.

  1. Il primo standard GSM (Global System for Mobile Communication). Non più in uso tale standard ha una velocità di comunicazione di 12,2 kbps (la stessa di un telefax) non venivano forniti browser o applicazioni per la navigazione. Si potevano effettuare connessioni in dial-up verso modem il costo era quanto quello della telefonata al minuto. http://it.wikipedia.org/wiki/GSM
  2. Si utilizza per le connessioni GPRS http://it.wikipedia.org/wiki/GPRS o EDGE http://it.wikipedia.org/wiki/Enhanced_Data_Rates_for_GSM_Evolution di oggi. Una connessione GPRS riporta il simbolo G ed ha una velocità di 20-40 kbps. Una connessione EDGE riporta il simbolo E ed ha una velocità di 60 – 180 kbps. Io personalmente tengo il cellulare quasi sempre in questa modalità ottenendo un cospicuo risparmio di batteria. Tale modalità permette di scambiare MMS, scambiare EMAIL, utilizzare un navigatore ONLINE (tipo Google Maps), usare sistemi di chat (tipo Skype, Gtalk, Viber, Whatsapp …). Sicuramente in tale modalità non sarà possibile effettuare chiamate su IP (tipo Skype, Viber, Gtalk …) e sarà fastidioso utilizzare un browser o un applicazione che scarica dati e foto da internet (seppur ottimizzata per il cellulare). Come scrivevo io utilizzo per default tale modalità, all’occorrenza cambio modalità ed una volta finito l’uso torno a questa. Sul mio androide per ottimizzare tale scambio di modalità utilizzo il widget di Curvefish.
  3. http://it.wikipedia.org/wiki/W-CDMA Si utilizza per le connessioni UMTS http://it.wikipedia.org/wiki/Universal_Mobile_Telecommunications_System o HSPA http://it.wikipedia.org/wiki/High-Speed_Packet_Access . Una connessione UMTS (Universal Mobile Telecommunications System) riporta il simbolo 3G ed ha una velocità di 380-700 kpbs. Una connessione HSPA (High Speed Downlink Packet Access) riporta il simbola H ed ha una velocità fino a 14,4 Mbps, ma al momento (Estate 2012) non si riesce a superare i 3,6 Mbps (e se arrivate a tale velocità siete già fortunati. Utilizzando questo tipo di connessioni si ha un ottima qualità nelle chiamate su IP, in 3G sicuramente vi perderete qualche pacchetto. In ogni caso la navigazione su web è agevole e si riesce anche ad utilizzare tranquillamente il tethering.
  4. In Italia al momento (Estate 2012) esistono solo dei luoghi campione ove utilizzare tale modalità e non sono commercializzati telefoni che la supportano. Il protocollo si chiama LTE (Long Term Evolution) http://it.wikipedia.org/wiki/LTE_(telefonia) .
Le velocità indicate sono teoriche, possono variare molto a secondo della qualità della stazione radio base, distanza da essa, muri o ostacoli che possano attutire le onde radio … per testare la velocità reale si possono usare, una volta connessi, siti quale http://www.speedtest.net/ (valido anche per testare le connessioni adsl o le applicazioni fornite sempre dallo stesso sito http://speedtest.net/mobile.php valide sia per Android che per IOS.
Dovendoci spostare in altro luogo o volendo attivare la connessione con un nuovo operatore ci aiuta il sito http://opensignalmaps.com/ . Si tratta di un sito indipendente che grazie ad un applicazione per Android raccoglie in maniera anonima le informazioni sulla copertura disponibile.