lunedì 16 settembre 2013

Adriano Olivetti e i superpoteri

Devo ringraziare Giovanni De Carli per avermi fatto scoprire il "Discorso di Adriano Olivetti 
per l’inaugurazione dello stabilimento di Pozzuoli" su questo post.

Dopo averlo letto sono andato a cercare la biografia di Adriano Olivetti su Wikipedia. Che dire, un uomo illuminato che è riuscito a creare un eccellenza italiana fondandola sulla qualità dei prodotti, ricerca e sopratutto sul rispetto dei lavoratori.

Ho provato a documentarmi su internet su errori di quest'uomo, ebbene si mi piace fare l'avvocato del diavolo, ma mi dispiace scrivere che non ne ho trovati.

Forse uno si, grande, ne 1959 acquista la Underwood, si tratta forse della prima acquisizione di un azienda statunitense da parte di un azienda italiana, si indebita con alcune banche svizzere, prima però di portare in casa i frutti di tale acquisizione muore.
Ciò lascerà la sua azienda con dei grandi debiti nelle mani delle banche, arriveranno FIAT e Mediobanca a "salvare" tale situazione ma senza aver capito lo spirito di Adriano riusciranno in poco tempo a smontare quella filosofia che è stato il vero "asso nella manica" del buon Adriano (fonte).

Alla luce di ciò mi piacerebbe qualcuno commentasse questo mio fornendomi indicazioni sugli errori commessi da Adriano Olivetti, errori che ne possano celare i suoi "superpoteri".