martedì 23 agosto 2016

Hard Disk rotto, prepariamoci ad usare GParted

L'altro giorno mi ha chiamato Paolo raccontandomi che gli si è rotto l'hard disk del Notebook, io di rimando ho risposto, non preoccuparti, a partire da una cinquantina di euro il problema si risolve.
Lui di rimando mi dice che era un anno che non faceva il backup delle foto di famiglia, il problema non è la cifra, ma le foto.
Da qui ho cominciato a pensare a come aiutarlo, la prima soluzione che mi è venuta in mente è GParted in modalità USB Live.
Ho spiegato in linea di massima a Paolo a cosa mi riferivo e lo ho tranquillizzato un pochino.

Vediamo ora come procedere.
Prima di tutto bisogna procedere cambiando l'ordine di boot nel BIOS. Ovvero cambiare l'ordine delle periferiche su cui cercare il sistema operativo.
Purtroppo ogni produttore usa dei metodi di accesso differenti per il BIOS. In genere appena acceso il PC sullo schermo nero appare, per un paio di secondi, una scritta simile a "Premere F2 per accedere al BIOS", qui troverete una breve guida che cerca di essere universale.
Una volta acceduto a questo sottosistema si dovrà cambiare l'ordine di avvio per la ricerca del sistema operativo, mettendo la porta USB in testa. Qui una guida dettagliata.

Fatto questo dobbiamo preparare la nostra chiavetta USB, la stessa verrà formattata, quindi siamo sicuri che i dati in essa contenuti si possano sacrificare.  Non è necessario essa abbia delle buone prestazioni di velocità. Sono necessari solo 300 MB di spazio, quindi ne potremmo utilizzare una piccola e vecchia buttata in un cassetto.

Il sistema più veloce e facile, a mio avviso è usare il software TuxBoot se si ha a disposizione un altro pc con Windows a bordo.
Sarà necessario scaricarne l'ultima versione, io sono andato, con il browser all'indirizzo  https://sourceforge.net/projects/tuxboot/files/ e ho Scelto la versione più recente, nel mio caso ho scelto 0.8 -> Windows -> tuxboot-0.8.3.exe  andando all'indirizzo https://sourceforge.net/projects/tuxboot/files/0.8/Windows/tuxboot-0.8.3.exe/download

Una volta effettuato il download del file ho inserito la pennetta USB nella relativa porta e lo ho eseguito, non è necessaria alcuna installazione. scegliendo le seguenti opzioni:
Online distribution -> Gparted-live-stable
Type -> USB Drive
Drive -> E (fare attenzione è la mia, voi potreste avere altre lettere, controllare prima su risorse del computer)
E ho Pigiato su OK
In questo modo viene automaticamente scaricata la distribuzione linux, e viene preparata la pennetta USB con essa a bordo, senza nessun altro nostro intervento.

ci apparirà una schermata come la successiva
E dopo qualche minuto avremmo la seguente schermata.
Basterà cliccare su Exit ed la nostra pennetta USB sarà pronta.

A questo punto basterà inserire la pennetta nella porta USB del PC col disco rotto, avviarlo e, se tutti i passi sono stati eseguiti bene, si avvierà GParted sul PC.

Da qui un po' con l'aiuto dell'help di GParted, un po' con l'aiuto di Google, in base ai problemi riscontrati ed alla causa del problema potremmo vedere se alcuni dei nostri dati sono presenti ancora sull'HardDisk.
Poi si potrò procedere alla risoluzione del problema stesso.