giovedì 2 ottobre 2014

Sostituzione vetro Galaxy Tab 8.9 (P7300)





Claudio usa molto il tablet sia per motivi di lavoro (è un artigiano, fotografa i suoi lavori e li fà vedere ai clienti) che per svago (legge libri). L'estate scorsa arrivati in spiaggia inseime apre la sua borsa, prende il suo fido Galaxy Tab in mano e si rende conto chesi è rotto il vetro.

Si innervosisce per l'incidente, ma una volta acceso si rende conto che le immagini sono ancora visibili (se
con qualche piccola difficoltà, si rincuora e prova ad aprire Aldiko per riprendere lalettura del suo libro.
Quì arrivano le arrabbiature, il tablet ha perso le funzionalità touch, quindi non è utilizzabile.

 Passata l'arrabbiatura, risolvendogli il "problema" estivo con lo smartphone mi chiede aiuto per siolver eil problema.
dopo un po' di ricerche trovo questo ricambio. Mi piace per il prezzo e per il fatto che sia già presente il biadesivo per il suo fissaggio quindi procedo all'acquisto.
Passa il tempo, abbiamo scelto la posta ordinaria e ci vorrà un mesetto per avere il ricambio a casa, Claudio si stufa, ha bisogno del tablet, il suo Galaxy Tab ormai è vecchio (30 mesi circa) decide di comprarselo nuovo e mi regala il vecchio, se riesco a ripararlo sarà mio.
Il ricambio arriva con un imballaggio spettacolare (Cartone, polistirolo, pluriball). Mi accingo a lavorare.
Armato di molta pazienza, una carta punti da sprecare, un coltello da cucina con lama sottile, dell'acetone per le unghie, uno straccetto morbido pulito ed un phon comincio il lavoro.
 Mi cerco prima di tutto un video che mi aiuti, non lo trovo, questo però mi va bene, mi fa vedere esattamente come procedere per smontare il tutto.
Nel video la fà un po' più facile, iio ho imopiegato una ventina di minuti usando la carta punti per fare leva, poi mi ha dato un po' di problemi il jack delle cuffie, ma ci sono riuscito, il guscio riesoc a toglierlo.
Sempre nel video ci spiega che il connettore è coperto con nastro trasparente (non me ne sarei accorto); una volta tolto il nastro (lo ho messo daparte epr poi riutilizzarlo dopo, delicatamente ho tirato verso il basso il connettore (dopo un po' di resistenza ha ceduto).
Ora arriva il lavoro vero e proprio, provo ad inserire il coltello tra il vetro e lo schermo, ma è molto duro, come ho letto in giro do una bella scaldata (una decina di secondi) con il phon nella parte da cui voglio iniziare e poi riaffondo il coltello, la consistenza è ora più morbida, il coltello taglia l'adesivo sino al punto in cui esso è caldo. Qunado sento che la resistenza aumenta ricomincio a scaldare un'altra sezione di vetro. SCOPRO COSI' CHE L'ADESIVO E SOLO SUL BORDO. Riesco a fare in pochi minuti tutto il giro e poi a tirare via il vetro.
A questo punto con straccio e acetone ho eliminato i residui di colla sul bordo e ho pulito bene lo schermo (mannaggia il coltello ha lasciato qualche segno proprio sullo schermo forse era meglio usarne uno non seghettato).e poi, dopo che l'acetone era totalmente asciutto, con l'aiuto di mia moglie, abbiamo applicato il nuovo vetro naturaslmente avevo tolto il cellophane che ne copriva la parte inferiore, liberando così il biadesivo.. Con il biadesivo si ha a disposizione un colpo solo e bisonga centrare esattamente il piccolo foro della fotocamera centrale.
Fatto questo ho ricollegato il connettore del vetro (ecco perchè a vetro rotto il touch non funziona, il touch è sulvetro e non sul sottostante schermo) facendolo scorrere nella sua sede e poi ho riutilizzato il nastro tolto precedentemente per fermare il tutto.
Sono pronto, spingo il pulsante di accensione ed il tablet si avvia, aspetto il minutino canonico ed ho la schermata, non c'è nessuna traccia dei segni che il coltello ha lasciato sul vetro, non è presente alcun punto con colori sfalzati o zone nere, l'operazione non sembra aver intaccato lo schermo.
Provo il touch er funziona, che fico. Ricordo che Claudio aveva problemi nella zona in basso a destra anche prima di rompere il vetro, i problemi sono rimasti, il touch lì è un po' "duro", mannaggia forse ho sbagliato qualcosa nell'assemblaggio, oppure c'è già un difetto in quella zona del tablet, lì ci sono i tasti back (indietro) e home, tra i più usati, cercherò una soluzione software per spostarli.
Comunque sono soddisfatto dell'operazione, per via del suo prezzo, riassemblo il guscio di plastica, facendo pressione con le mani per bloccarlo sino allo scatto in tutto il suo perimetro.
E anche questa è andata, ora dovrò solo salvare il contenuto del tablet, per ridarlo a Claudio, un cambio di firmware forse mi permetterà di "spostare" i tasti "duri" e poi lo regalerò a Flavia (sempre che le i lo voglia) se no me lo tengo io, in ogni caso un altro oggetto che non verrà buttato al secchio, continuando a lavorare per un futuro più sicuro e riutilizzato.